Andalo 2013 - Intervista a Ferdinando Imposimato
Andalo 2013 - Esibizione di Umberto Smaila
Andalo 2013 - Intervista a Don Backy con Maurizio Seymandi
Andalo 2013 - Maurizio Seymandi, Mario Tessuto e Umberto Smaila
Andalo 2013 - A Tamburo Battente
Andalo 2013 - A Tamburo Battente
Andalo 2013 - A Tamburo Battente
Andalo 2013 - A Tamburo Battente
Andalo 2013 - A Tamburo Battente
Andalo 2013 - A Tamburo Battente
Amare Ravenna
Amare Ravenna
Amare Ravenna
Amare Ravenna
Daniele Perini - presidente Amare Ravenna
Amare Ravenna
Amare Ravenna
Amare Ravenna
Amare Ravenna
Andalo
Lo staff di AmareRavenna
foto di gruppo

L’Arcivescovo in visita ad Andalo

Venerdì 6 settembre si è tenuto nella località trentina di Andalo, l’incontro con l’Arcivescovo di Ravenna-Cervia, Mons. Lorenzo Ghizzoni, che per la prima volta incontrava i partecipanti alla vacanza organizzata dall’Associazione “Amare Ravenna” che da ventitré anni si reca ad Andalo la prima quindicina di settembre.
 

Amare Ravenna

Momento di un evento di Amare RavennaBenvenuti sul sito della nostra Associazione !

Benvenuti sul sito della nostra Associazione!Guardate le foto degli ultimi eventi e delle gite organizzate alla pagina "le foto" . Per conoscere il nostro programma eventi visitate la pagina "le nostre attività"
Per ricevere informazioni potete recarvi presto i nostri uffici in via IX Febbraio 3/9 a Ravenna, oppure telefonare al n. 0544-33111 o scriverci una e-mail a questo indirizzo: info@amareravenna.it

 

 

Daniele Perini l’artista del cuore

Daniele PeriniDaniele Perini l’artista del cuore emozioni, generare esperienze positive, unire le persone e creare comunità. Oggi questi sono alcuni degli obiettivi che si prefiggono molti artisti contemporanei, ma sono anche alcune delle istanze che Daniele Perini, trentuno anni fa, si era prefisso direalizzare nell’immediato futuro. Infatti, è trascorso poco più di un trentennio, da quando Daniele Perini decise di concretizzare il suogrande sogno: Amare Ravenna, l’associazione della quale, almeno una volta, tutti i ravennati, hanno sentito parlare, ma probabilmente pochi sanno che si tratta di un’associazione privata, apolitica, senza fini di lucro, nata per svolgere un impegno sociale e umanitario. Oggi gli artisti attraverso l’arte cercano di rispondere alla crescente necessità di comunicazione, d’identità, di appartenenza, che sembra venir sempre meno nel mondo odierno, che diventa sì sempre più grande, ma anche sempre più alienante. Allo stesso modo, ma con immenso anticipo, Daniele Perini ha saputo cogliere i segnali di un futuro già scritto, visibile allora,soltanto a chi avesse l’attenzione, la sensibilità, l’intelligenza e l’energia di donare tutte le proprie forze al prossimo.
 
Per comprendere quali siano le dimensioni di queste forze, quanto grande sia l’energia messa in campo, ci si deve recare alla sededell’associazione in via dei Falconieri nei pressi della piscina comunale. Si tratta di un’imponente struttura, realizzata senza soldi pubblici, grazie alla fiducia che due importanti fondazioni bancarie ravennati (la fondazione Banca del Monte, la fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, con il contributo delle rispettive banche) hanno riconosciuto al progetto. Una volta varcata la soglia Daniele Perini l’artista del cuore ci si trova proiettati in una realtà che ahimè nel nostro paese è sempre più raro incontrare. Un luogo dove le cose funzionano, qualcosa che potremo definire un’eccellenza italiana in fatto di associazionismo.
 
Qui vi si recano, ogni settimana, migliaia di persone anziane, migliaia di Nonni, come preferisce chiamarli Daniele Perini che aggiunge:"si tratta di un laboratorio di vita, èun’idea che avevo sin da ragazzo, quella di creare una casa per tutti i nonni di Ravenna. La nostra è una città dove la durata della vita è fra le più lunghe al mondo. L’età media è ai livelli di alcune zone del Giappone. Queste persone, queste coppie, hanno bisogno di socialità, di vivere appieno il loro tempo alla massima qualità possibile. Quella dell’età è una grande balla. Pensiamo alle opere d’arte meravigliose, che artisti come Michelangelo, hanno realizzato in età avanzata. La maggioranza di queste persone non ha problemi di salute e ha finalmente il tempo di godere appieno di questa “età libera”. Una libertà da vivere in serenità e con la possibilità di mettere a disposizione la propria esperienza e i propri valori a chi vive accanto".
 
Gli appuntamenti in via dei Falconieri sono circa quattro ogni settimana. Spesso ci si incontra per bellare (lo chiamano il Pineta dei nonni, per il successo di pubblico e per il rigore dell’organizzazione), ma anche per discutere e programmare i vari eventi che si svolgono durante tutto l’anno come ad esempio i viaggi vacanza (storico l’appuntamento di settembre ad Andalo la favolosa località turistica sull’Altopiano della Paganella, in Trentino, dove i Nonni portano anche i nipotini), o per partecipare a corsi ed incontri culturali (sul teatro o di lingue straniere ecc.),  anche per assistere alla trasmissione tambur battente registrata all’interno di questa struttura e condotta da Daniele Perini. Uno spettacolo dal vivo con ospiti autorevoli che fanno parte del mondo della cultura, dello spettacolo, della scienza e della comunicazione. La trasmissione ė trasmessa da oltre cento tra emittenti televisive private, web tv, e satellitari. Amare Ravenna si conferma un luogo straordinario poiché particolare ed eclettico è il suo presidente, anima e catalizzatore di questa grande comunità. 
 
La signora Grazia che, che incontro al bar dell’associazione, un bar con eleganti cameriere e imbandito di succulenti manicaretti per allietare i pomeriggi danzanti, parlandomi di Daniele dice: "E’ un organizzatore perfetto, “uno zvizzero; ha sempre pronto un sorriso o un abbraccio per tutti e in special modo per i meno fortunati, che vuole occupino sempre i primi posti nei locali frequentati da noi durante le gite di cultura e svago le sue battute spiritose rinfrancano, i suoi suggerimenti danno forza per vivere meglio, le sue parole affettuose ci fanno riflettere e guardare le persone che sono dietro di noi e che sopportano cristianamente angustie più gravi delle nostre. In altre parole, Daniele è unico, giovane tra gli anziani che chiama "ragazzi" facendosi vecchio egli stesso per non offendere nessuno". Ora comprendo meglio anche il significato delle parole di Daniele Perini che accogliendomi all’ingresso mi disse: "Questo è un vero e proprio laboratorio di vitadove, mentre impariamo a conoscere i nostri anziani, le loro paure, i loro amori, impariamo, in fondo, a conoscere noi stessi ".

di Lehila Laconi

 

 

“LA TERZA ETA’ E’ LA MIGLIORE, CE L’INSEGNA BEETHOVEN”

Daniele Perini racconta 30 anni di attività di Amare Ravenna in compagnia dei supernonni: “Paura d’invecchiare? E’ un viaggio avventuroso, lo auguro a tutti”

“Quand’ero piccolo non c’erano i soldi per mandarmi all’asilo. Così ogni mattina prendevo la bici e andavo dai nonni: mi raccontavano storie incredibili, pensavo avessero una gran fantasia. Più tardi ho capito che era tutto vero, era la storia della loro vita”. Dev’essersi formata allora quell’immagine da supereroi pop che Daniele Perini ha degli anziani e che anni dopo l’ha spinto a fondare Amare Ravenna, un’associazione che ha riunito e intrecciato, nei suoi trent’anni d’attività, le vite di migliaia di “nonni” della provincia ravennate. “Non capisco perché la gente abbia paura d’invecchiare – si sfoga Perini – l’età non esiste. Beethoven e Verdi hanno composto le opere migliori in tarda età, e anche Michelangelo, quando dipinse la Cappella Sistina, non era più giovanissimo per la sua epoca. Quella che tutti chiamano Terza Età è in realtà l’età più libera di tutte: non c’è il problema della casa, i figli sono grandi e le persone possono approfittarne per fare tutto quello che hanno sempre desiderato: imparare una nuova lingua, dipingere, suonare il pianoforte…”. Se ci si diverte, è la tesi, ci si ammala anche meno: “Sono convinto che ci sia nella malattia degli anziani una forte componente psicologica. Inerzia, forse, una certa voglia di lasciarsi andare. Ma chi l’ha detto che le cose debbano andare per forza così? Conosco delle signore che sono andate fino alla Terra del Fuoco e hanno scalato le montagne. E’ questo il modo giusto di vivere la vecchiaia”.

Ma non è così semplice. Gli anziani spesso si lasciano andare anche perchè non viene più riconosciuto loro quel ruolo di consiglieri, narratori, depositari di saggezza ed esperienze che avevano un tempo…
“E’ vero. Oggi gli anziani sono invisibili. Viviamo in un mondo in cui abbiamo amici di Facebook che vivono a New York e che non abbiamo mai visto in faccia, mentre ci disinteressiamo del vicino di casa. I ragazzi non hanno punti di riferimento, creare nuove famiglie è difficilissimo. Fra trent’anni sapremo come curare qualunque malattia ma avremo un altro problema altrettanto serio: la solitudine”.

Amare Ravenna è una risposta a questo bisogno sociale di comunità ?
“Sicuramente l’associazione contribuisce a far sì che le diverse generazioni di nonni, figli e nipoti continuino a parlarsi. Ma cerca anche di stimolare gli anziani a vivere ‘l’età più libera’ nel modo più vitale e allegro possibile”.

In che modo ?
Per esempio con le attività che organizziamo alla casa dei Nonni in via dei Falconieri. E’ un centro sociale un po’ particolare, dove ci s’incontra tre o quattro volte alla settimana. Lo chiamano il Pineta dei nonni, perché spesso si balla. Ma non c’è solo quello, ci sono anche le vacanze ad Andalo, una volta all’anno, dove i nonni portano i nipotini, ci sono i corsi di teatro e anche un programma tv, ‘A tambur battente’, dove gli anziani si occupano di tutto, dalla redazione agli intermezzi musicali”. La Casa, gestita grazie al volontariato e con l’aiuto della Cassa di Risparmio di Ravenna, è il fiore all’occhiello di Amare Ravenna: “E’ un vero e proprio laboratorio di vita”, racconta Perini con orgoglio, “dove impariamo a conoscere i nostri anziani, con le loro paure e i loro amori”.

Amore? Non è una faccenda per giovani ?
“Tutt’altro, forse solo nella terza età si può amare davvero. Ci sono storie bellissime, solo che nessuno le racconta. Per esempio, in questi trent’anni ci siamo imbattuti in una storia molto triste e romantica: la signora Mariolina era rimasta incinta molto giovane, il fidanzato partì per la Russia e morì. Così, Mariolina crebbe la figlia da sola. Quando diventò grande, la figlia si sposò ed ebbe una figlia a sua volta. Mariolina visse sempre con loro, senza mai una casa per sé. Ma un bel giorno, grazie ad Amare Ravenna, incontrò Ivo, vedovo: i due s’innamorarono perdutamente. La figlia e la nipote di Mariolina le fecero la dote, alla rovescia, e all’età di 73 anni lei ed Ivo andarono a vivere insieme, cominciando una nuova vita. Poi, però, lei si ammalò e putroppo morì pochi anni dopo. Ivo non riuscì a sopportarlo: un giorno si stese sulla sua tomba e si sparò un colpo in testa. E’ un amore sfortunato, alla Paolo e Francesca, perché nessuno scrittore la racconta?”

Che idea ti sei fatto della Terza Eta’, in tutti questi anni di vite e di storie ?
“E’ come partire per un lungo viaggio d’esplorazione, avventuroso come quello di Marco Polo. Bisogna prepararsi per tempo, mettere molte cose utili in valigia, così da essere pronti a vivere l’avventura con la leggerezza che ci vuole. Ma ne vale la pena. Auguro a tutti d’invecchiare”.

Intervista di Daniela Mitta

 

 

Per stare insieme...

Carissimi amici, sono aperte le iscrizioni per il rinnovo della tessera associativa di Amare Ravenna. La quota è rimasta inalterata (20 euro) e per chi volesse confermare la propria adesione, l’ufficio in Via IX Febbraio, 9 è aperto tutti i giorni dalle ore 09.00 alle ore 12.00.

NB: Per tutte le attività sopraindicate, ci si può iscrivere e avere ulteriori informazioni, presso l’Associazione – Via IX Febbraio 9 Ravenna – Tel.0544/33111, tutti i giorni dalle ore 09.00 alle ore 12.00

A tambur battente

A tambur battente

Il programma "A tambur battente show" condotto dal nostro Presidente Daniele Perini va in onda su 100 tv italiane e straniere del talk show con intrattenimento musicale . Le prime otto puntate sono quelle che abbiamo registrato ad Andalo.

Un programma di
DANIELE PERINI e NICOLA MAURO MARINO
Regia di FRANCESCO DARDARI
A cura di MARIA TERESA LANZETTI
Conduce DANIELE PERINI

Alcune foto

Giornalino

Di seguito puoi scaricare i numeri del nostro giornalino:
Amare Ravenna dic.2008
Amare Ravenna dic.2007
via IX Febbraio 3 - 48100 Ravenna
Tel: 0544 33111   
Fax:
0544 33988
Email: info@amareravenna.it